Trattamento e prevenzione delle piaghe da decubito nell'anziano

Direttore: Prof. Alberto Maria Angelici

Premessa

Le piaghe da decubito sono sempre più frequenti sia a livello domiciliare che ospedaliero, perché aumenta la vita media, le malattie che determinano ipomobilità, specie quelle che interessano il sistema nervoso centrale e periferico. La lesione da decubito può, se non trattata, provocare stati settici importanti e, in special modo, perdite proteiche (6gr di proteine al giorno) con scompensi generali gravi. Oggi grazie a superfici hi-tech e a device sempre più appropriati è possibile attuare un trattamento sia nella prevenzione sia nella preparazione dei bordi e del fondo dell'ulcera. Un assistente a pazienti ultra settantenni dovrebbe conoscere, e a sua volta insegnare a trattare, queste lesioni che rendono il soggetto disabile grave. In tutti i congressi di vulnologia il trattamento delle perdite di sostanza dovute a eccessiva pressione, o a forze di trazione e frizione, ha una parte predominante negli interventi e nelle tavole rotonde.
Da tutto ciò si evince l'importanza di seguire un master, in parte on line, sulle lesioni da pressione, specie se il trattamento è riferito ad un paziente anziano.
La possibilità di seguire le lezioni liberi da altri impegni e nel momento più consono permette un’apprendimento migliore con riduzione delle spese e risparmio di tempo.
Il progetto è a livello sperimentale e si avvale di una piattaforma utilizzabile dal discente, mediante una password di accesso, per seguire le lezioni e partecipare ad esse tramite chat e forum.
L’unico impegno reale sarà quello di seguire degli stages e delle esercitazioni.

Il Coordinatore
Prof. Piergiorgio Pastore